Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Migranti: Caporalato, operazione in tutt'Italia
di Redazione

Smantellate organizzazioni per reclutavano stranieri per farli lavorare in nero. In Sicilia coinvolte le province di Agrigento, Ragusa, Siracusa e Trapani. Controlli dal Sud al Nord e in 28 paesi europei. Tre arresti, 29 denunce, un sequestro di beni e quindici attività sospese, multe per mezzo milione di euro

Tags: Migranti, Caporalato, Italia, Agrigento, Ragusa, Siracusa, Trapani, Europa, Arresti, Denunce, Attività Sospese, Sfruttamento, Multe



Seicentoquindici persone e 82 aziende controllate con l'accertamento di irregolarità a carico di 30 di queste (in un caso si è proceduto al sequestro preventivo dei beni aziendali e in altri 15 è stata sospesa l'attività), 32 persone denunciate in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria di cui tre arrestate e ammende per oltre 450 mila Euro.
 
È l'esito di un'operazione delle forze dell'ordine contro lo sfruttamento del lavoro, in particolare della manodopera straniera (caporalato). Smantellate organizzazioni per reclutavano stranieri per farli lavorare in nero, in particolare nelle campagne ma non solo.
 
Sono state impegnatele squadre mobili di Agrigento, Forlì, Cesena, Caserta, Foggia, Latina, Lecce, Matera, Potenza, Ragusa, Rimini, Siracusa, Taranto, Verona e Vibo Valentia, coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine, e dal Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro, attraverso l'impiego dei reparti dipendenti di Milano, Torino, Roma, Agrigento, Trapani e Napoli, nonché uffici di altre amministrazioni, come gli Ispettorati Territoriali del Lavoro.
 
L'attività, organizzata dall'Ufficio Europeo di Polizia Europol, ha coinvolto anche altri 28 Paesi europei.
 
Le ispezioni hanno riguardato aziende impegnate nel settore della grande distribuzione pubblicitaria, dei magazzini stoccaggio merci (gestiti da imprenditori cinesi), delle confezioni tessile-abbigliamento e del settore agricolo.
 
Nel corso dell'operazione è stata accertata l'inosservanza delle norme contributivo-previdenziali e di sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché, in alcuni casi, dell'illecita attività di intermediazione tra la domanda e l'offerta, compiuta dai "caporali".
 
Nel Ragusano sono cinque gli  imprenditori - tre del settore zootecnico e due del settore agricolo a Modica, Ispica e Vittoria -  denunciati  per sfruttamento della manodopera e per aver fatto lavorare cittadini extracomunitari irregolari.
 
 In totale sono state controllate sette aziende, due delle quali sono state trovate in regola sia per quanto concerne l'impiego dei dipendenti, per il contributi previdenziali sia per la sicurezza sui luoghi di lavoro, l'uso di fitofarmaci e la tracciabilità dei prodotti biologici.
 
Gli agenti hanno controllato in totale 70 braccianti agricoli e allevatori di bestiame, molti dei quali, tra romeni, centro-africani, albanesi, bengalesi, indiani e italiani - irregolari.
 
Uno degli imprenditori denunciati pagava i lavoratori, anche quelli a contratto, 25 euro al giorno per circa otto ore.
 
Nella sua azienda sono state accertate gravi condizioni di degrado e la presenza di magazzini trasformati in abitazioni.
 
I suoi operai hanno tutti riferito che il titolare impartiva gli ordini, organizzava il lavoro e li pagava.
 
Altri due imprenditori pagavano equamente gli operai ma uno aveva assunto tre centroafricani irregolari sul territorio nazionale che avevano avuta respinta la loro richiesta d'asilo, l'altro aveva assunto tre operai albanesi irregolari.
 
L'Ispettorato del Lavoro, l'Inps e l'Asp hanno inoltre sanzionato per decine di migliaia di euro gli imprenditori non trovati in regola.
 
Alcuni indagati avevano assunto con un contratto ma poi sottopagavano i dipendenti, che non potevano godere di ferie o di assenze per malattia.
 

Articolo pubblicato il 31 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus