Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Autoveicolo di proprietà, costi intorno ai duemila euro l'anno
di Redazione

Il carburante incide più della somma per bollo e assicurazione 

Tags: Auto, Costi



ROMA - Per spostarsi a bordo di un veicolo di proprietà occorrono almeno 2.000 euro l’anno, anche se scegliamo una mini car tra le più diffuse, come la Fiat 500 o la Panda, in assoluto la più venduta del suo segmento. Tutta colpa del carburante, che fa impennare i costi di gestione annuale: fare il pieno di benzina, infatti, soprattutto con i rincari dell’ultimo periodo, è un vero salasso.
 
E incide più della somma di bollo, revisione e assicurazione auto sulle finanze degli automobilisti italiani, anche quelli più accorti. Ma come si arriva a certe somme? Nell’ultimo osservatorio SosTariffe.it ha passato ai raggi x i diciotto modelli di auto più acquistati in Italia per scoprire quanto costano in media ogni anno. L’indagine ha preso in esame le tre vetture più vendute per ogni segmento di grandezza, in base a dati sulle nuove immatricolazioni rilevati ad aprile 2018 dall’Unrae, l’Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri.
 
Cominciando dal segmento A, ad esempio (che comprende i veicoli di piccole dimensioni), le due auto in assoluto più scelte sono due Fiat. Prima su tutte svetta la Panda: per guidarla occorrono almeno 2.263 euro l’anno.
 
A seguire la Cinquecento, che ci si può permettere con 2.198 euro ogni dodici mesi. Al terzo posto si colloca la Volkswagen up!: più economica rispetto alle prime due (2.148 euro l’anno). I costi di mantenimento salgono con gradualità, man mano si procede fino al segmento F. Con qualche eccezione. Nel segmento B, quello delle utilitarie per intenderci, troviamo tre veicoli presenti ogni giorno sulle nostre strade: ma la Renault Clio (che si gestisce con 2.422 euro l’anno) è più venduta della Lancia Ypsilon, che a conti fatti costa meno (2.285 euro), seguita da un’altra Volkswagen, la Polo (2.674 euro). Fiat è protagonista anche nel segmento C, con Cinquecento X (2.940 euro l’anno) e Tipo (2.549 euro). La particolarità di questo segmento è il caso della Jeep Renegade, una berlina di dimensioni medie, ma costosa come le tre volumi (3.710 euro ogni 12 mesi).
 
Spende relativamente poco di più chi opta per una large car. Tra i modelli dei segmenti D ed E piacciono molto, nell’ordine: Volkswagen Tiguan, Ford Kuga, Audi A4, BMW Serie 5, Mercedes Classe E, e infine Audi A6. Per questi segmenti i prezzi vanno dai 2.447 euro della Tiguan ai 4.524 euro che ogni anno spende chi possiede un Audi A6.
 
La ‘regina’ del segmento F è la costosissima Porsche 911 (6.223 euro l’anno) che è anche la più venduta, rispetto alla “meno impegnativa” Maserati Ghibli (5.582 euro ogni dodici mesi) e ad un’altra Porsche - leggermente più economica - come la Panamera (circa 5.215 euro all’anno).
 
Il costo che fa salire alle stelle il budget di gestione annuale è il carburante. Lo studio è stato condotto da SosTariffe.it calcolando i costi da sostenere, auto per auto, per percorrere 20.000 Km (tragitto tipo di un italiano in 12 mesi) al costo medio nazionale di 1,5 euro al litro.
 
La maglia nera per i consumi del segmento A va a Fiat Panda (richiede 1.632 euro l’anno di benzina), mentre - tra le utilitarie (segmento B) più diffuse - ha bisogno di più carburante la Volkswagen Polo (1.852 euro).

Articolo pubblicato il 07 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus