Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Inps, crescono assunzioni nel privato: +10,4%
di Redazione

+4% i contratti a tempo indeterminato tra gennaio e aprile 2018  

Tags: Lavoro, Disoccupazione, Inps



ROMA - Le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-aprile 2018 sono state in tutto 2.429.000: sono aumentate del 10,4% rispetto allo stesso periodo del 2017. In crescita risultano tutte le componenti: contratti a tempo indeterminato +4%, contratti di apprendistato +14,5%, contratti a tempo determinato +8,6%, contratti stagionali +3,6%, contratti in somministrazione +23,2% e contratti intermittenti +11,1%. Lo ha reso noto l’Inps nell’Osservatorio sul precariato.
 
Nei primi quattro mesi dell’anno, aggiunge l’Inps, si conferma l’aumento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (+65.000), che registrano un forte incremento rispetto al periodo gennaio-aprile 2017 (+68,1%). In contrazione risultano invece i rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo (-19,5%).
 
Le cessazioni nel complesso sono state 1.883.000, in aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+15,7%): a crescere sono le cessazioni di tutte le tipologie di rapporti a termine, soprattutto i contratti a tempo determinato e in somministrazione, mentre diminuiscono quelle dei rapporti a tempo indeterminato (-4,4%).
 
Il lavoro occasionale si conferma di dimensioni modeste e, nel periodo in analisi, i lavoratori si sono attestati tra le 14 mila e le 19 mila unità, con un importo mensile lordo medio pari a circa 253 euro.
Per quanto invece attiene ai lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia, ad aprile si sono superati i 6 mila impiegati con un importo mensile lordo medio pari a 325 euro.
 
Ad aprile, sono state presentate 118.361 domande di Naspi e 1.150 di Discoll. Nello stesso mese sono state inoltrate 1.876 domande di Aspi, mini Aspi, disoccupazione e mobilità, per un totale di 121.387 domande, il +14,9% rispetto al mese di aprile 2017 (105.631 domande).
 
Nel suo report mensile, invece, l’Istituto ha reso noto che, a maggio 2018, il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 23,9 milioni, in diminuzione del 39% rispetto allo stesso mese del 2017 (39,1milioni). Lo rende noto l’Inps.
In particolare, spiega l’Osservatorio Cig dell’Inps, le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate sono state 10,83 milioni. Un anno prima, nel mese di maggio 2017, erano state 10,78 milioni: di conseguenza, la variazione tendenziale è pari a +0,5%. In particolare, la variazione tendenziale è stata pari a -11,2% nel settore Industria e +28,4% nel settore Edilizia. La variazione congiunturale registra, rispetto al mese precedente, un incremento pari al 19,4%.
 
Il numero di ore straordinarie autorizzate, invece, è stato pari a 12,8 milioni, di cui 7,7 milioni per solidarietà, registrando una diminuzione pari al 52,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che registrava 26,9 milioni di ore autorizzate.
Infine, gli interventi in deroga sono stati pari a 0,2 milioni di ore autorizzate, registrando un decremento del 84,2% se raffrontati con maggio 2017, mese nel quale erano state autorizzate 1,4 milioni di ore.

Articolo pubblicato il 22 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus