Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Racket delle badanti nel Nisseno, tre arresti
di Redazione

L'operazione San Giuseppe, condotta dai Carabinieri tra Gela e Niscemi, è scattata al termine di indagini coordinate dalla Procura gelese tra la Sicilia e la Romania, che ha smascherato un'organizzazione capeggiata da un italiano che si avvaleva di cittadini romeni. Tra le accuse, circonvenzione di incapaci e prostituzione

Tags: Anziani, Romania, Niscemi, Gela, Carabinieri, Racket Badanti



I Carabinieri stanno eseguendo, tra Gela e Niscemi, nel Nisseno, tre ordinanze di custodia cautelare in carcere e perquisizioni nell'ambito di un'operazione nata per sgominare il cosiddetto "racket delle badanti".
 
I provvedimenti sono stati disposti dal Gip su richiesta della Procura di Gela e riguardano le accuse di associazione per delinquere, circonvenzione di incapaci, induzione e sfruttamento della prostituzione.
 
 
L'operazione, denominata San Giuseppe, è scattata al termine di un'inchiesta coordinata dalla Procura gelese tra la Sicilia e la Romania.
 
Le accurate indagini hanno permesso di smascherare un'organizzazione capeggiata da un italiano che si avvaleva di cittadini romeni.
 
I militari hanno ricostruito minacce e violenze subite da diverse vittime, nonché i movimenti di ingenti somme di denaro sottratte a anziani e spedite in Romania.
 
Al termine delle indagini è stata smascherata un'associazione capeggiata da un italiano che si avvaleva di cittadini romeni.
 
 
 
Era Emanuele Murana il capo dell'organizzazione criminale che, attraverso minacce e violenze, si faceva consegnare denaro da anziani.
 
Murana si serviva di due complici rumeni: Enela Ciubotaru e Vasile Daniel Ciubotaru, zia e nipote.
 
La donna aveva il compito di circuire gli anziani con l'obiettivo di derubarli e farsi fare regali.
 
Il nipote faceva da trait-d'union tra la Romania e la Sicilia e cercava per conto di Murana donne romene da far conoscere alle vittime, ponendosi alla pari di una vera e propria agenzia matrimoniale e mostrando loro un catalogo virtuale delle persone da scegliere.
 
La banda avrebbe realizzato un giro d'affari di oltre centomila euro.

Articolo pubblicato il 11 luglio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐