Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Crollo ponte: Musumeci, vertice con Anas, Cas e Regione
di Redazione

Fissata per venerdì la riunione per fare il punto del monitoraggio sulla situazione siciliana. Il Governatore annuncia la chiusura del Consorzio autostrade siciliane. Il Codacons chiede di non aprire le scuole della regione fino a quando non saranno state effettuate verifiche tecniche di stabilità

Tags: Crollo Ponte, Regione, Musumeci, Anas, Cas, Codacons



"Ho convocato per venerdì prossimo i vertici di Anas, Cas, della protezione Civile e i dirigenti dell'assessorato regionale alle Infrastrutture per una riunione operativa sullo stato di salute dei ponti, delle autostrade e della viabilità secondaria nell'isola". Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, a Catania. "I fatti di Genova - ha aggiunto - ci impongono di effettuare un monitoraggio per avere ben chiaro la situazione in Sicilia. Già a febbraio avevo pensato di avviare questa campagna per la sicurezza dei trasporti nell'isola".
 
 
"Il Consorzio autostrade siciliane chiuderà entro l'anno. Questa esperienza sembra essere conclusa e c'è l'intesa con l'assessore alle Infrastrutture e l'intero Governo affinché si definisca la questione in questo senso. C'è l'Anas interessata alla successione".
 
"Non riaprire le scuole in Sicilia, rinviando l'inizio delle lezioni, fino a quando non saranno effettuate tutte le verifiche tecniche atte a certificare la possibilità o meno che l'immobile possa essere utilizzabile sul fronte della vulnerabilità sismica".
 
Lo chiede ai prefetti dell'Isola il segretario nazionale del Codacons, Francesco Tanasi.
 
L'associazione di consumatore chiede anche "alle istituzioni competenti di rendere pubblici gli obbligatori certificati di rispondenza alla normativa antisismica".
 
"Ogni anno la cronaca riporta fatti spiacevoli all'interno delle scuole - afferma Tanasi - e la sicurezza dei ragazzi non può interessare a giorni alterni".

Articolo pubblicato il 18 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐