Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - San Giorgio, il quartiere "abusivo" che rischia di essere inghiottito
di Melania Tanteri

Rete fognaria assente e strade che diventano vere e proprie trappole con le piogge. L'ex presidente della sesta municipalità, Lorenzo Leone, “Occorre intervenire e in fretta prima che si creino ulteriori disagi e pericoli”. L’assessore ai Lavori pubblici, Arcidiacono. “Nel Patto per Catania mi pare ci siano dei fondi destinati alle acque reflue"

Tags: Catania, San Giorgio



CATANIA - Un intero quartiere rischia di sprofondare. Una zona della città che presenta, ogni anno e a ogni temporale un po’ più intenso, grandi criticità. È San Giorgio, quartiere periferico di Catania che, sorto abusivamente nel corso degli anni, presenta problemi in ordine alle strade, che spesso cedono sotto il peso di auto, autobus e, soprattutto, delle piogge.
 
La scorsa settimana, l’amministrazione comunale ha dovuto chiudere al traffico la via del Passero, nella parte compresa tra via della Rondine e via dell’Usignolo, per via di una grossa voragine creatasi sulla carreggiata, “causata - si legge in una nota stampa del Comune - dalla rottura di una tubazione collegata al sistema fognario che ha provocato lo smottamento”.
 
“Operai del servizio Manutenzioni, che nelle scorse settimane avevano già transennato l’area - si legge ancora - hanno lavorato con un escavatore per mettere in sicurezza la voragine, attività propedeutica indispensabile per procedere alla sostituzione della tubazione danneggiata e alla completa ricostituzione dello stato originario dell’arteria stradale". Da qui, la necessità da parte dell'Utu di interdire il traffico, deviandolo insieme a quello dell'autobus urbano, la linea 925 su altre strade.
 
Ad affliggere la zona sarebbe principalmente la mancanza della rete fognaria e così, con le piogge, le strade si trasformano in vere e proprie trappole. Come segnalato dall'ex presidente della sesta municipalità, Lorenzo Leone, che da anni chiede la messa in sicurezza dell’area: “Occorre intervenire e in fretta prima che le piogge invernali creino ulteriori disagi e pericoli”.
 
Una situazione delicata, che si era già presentata negli scorsi anni e sulla quale interviene l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Arcidiacono. “All’interno dei finanziamenti del Patto per Catania - afferma - mi pare ci siano dei fondi destinati alle acque reflue e quindi alle aree che hanno questi problemi. San Giorgio più di tutti: è un quartiere abusivo, non rientra nel piano regolatore. Quando, come annunciato dal sindaco Pogliese, avremo il nuovo Prg, sarà un quartiere regolare.
 
“Questo non significa certo che sarà abbandonato - prosegue - ma i problemi dell'area sono atavici. I soldi che hanno consegnato a Catania per il collettore delle acque reflue saranno utilizzati anche per interventi in questa zona e non solo, per l'intera città che ha grandi criticità in questo settore".

Articolo pubblicato il 06 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus