Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Contratto di ricollocazione: è in partenza la prima tranche
di Michele Giuliano

Decreto dell’assessorato regionale al Lavoro che dà l’avvio ai primi 604 utenti in graduatoria. All’incirca ventimila domande sono state ritenute ammissibili, altre settemila invece quelle respinte. A disposizione quasi 5 milioni e mezzo di euro. L’assessorato regionale ha predisposto il format per la dichiarazione di avvio attività

Tags: Contratto Di Ricollocazione, Lavoro, Disoccupazione



PALERMO - Quasi 5 milioni e mezzo di euro per i contratti di ricollocazione. Saranno in 604, dalla lunghissima graduatoria delle oltre 20 mila ritenute ammissibili, a poter cominciare ad usufruire del contributo.
 
Il passo avanti decisivo, dopo la registrazione alla Corte dei conti del decreto che ne ha sancito il finanziamento: ora è arrivato il decreto dell'assessorato regionale al Lavoro, il numero 9802, con cui si approvano i contratti stipulati fino alla data del 21 giugno scorso.
 
Già prima della pubblicazione dell’elenco dei primi beneficiari, l’assessorato regionale al Lavoro ha predisposto e inviato agli interessati, Centri per l’impiego e agenzie per il lavoro, il format per la dichiarazione di avvio attività, che deve essere sottoscritto e firmato dai rappresentanti legali e ritrasmesso debitamente compilato all’indirizzo email servizio3diplav@regione.sicilia.it. Ancora, è già stato trasmesso ad un ulteriore indirizzo email servizio4diplav@regione.sicilia.it il calendario dei servizi da erogare per permettere l’effettuazione dei controlli in loco da parte degli uffici competenti.
 
I Centri per l’impiego dovranno anche occuparsi della vidimazione del registro di presenza delle azioni. Al via quindi un progetto che coinvolge molti giovani e meno giovani in tutta la Sicilia. In particolare, sono stati ammessi del gruppo A, dai 18 ai 29 anni, 4.879 soggetti; del gruppo B, dai 30 ai 40 anni, sono state considerate finanziabili 5.051 istanze. Per gli altri gruppi, C e D, dai 41 ai 50 anni e dai 51 ai 66 anni, sono stati finanziati rispettivamente 5.323 e 4.273 utenti.
 
Non sono state ammesse a finanziamento invece altre 7.173 istanze. Per quanto riguarda le agenzie private che si occuperanno di gestire le attività, sono state ammesse in 67, mentre 17 sono rimaste fuori.
 
Hanno potuto presentare richiesta di accesso ai percorsi previsti dal contratto di ricollocazione i soggetti che siano residenti o domiciliati sul territorio regionale da almeno 12 mesi, abbiano un’età compresa fra i 18 ed i 67 anni, risultino inoccupati in cerca di primo impiego o disoccupati e non siano già percettori di trattamenti assistenziali per la disoccupazione; ancora, risiedano in un nucleo familiare con Isee inferiore ai 20 mila euro. I richiedenti, inoltre, non devono essere già coinvolti in altre misure di carattere formativo o di strumenti di politica attiva del lavoro e non possono essere titolari di benefici per l’autoimpiego o l’avvio di impresa.
 
Sono stati esclusi dal contratto di ricollocazione coloro che stanno svolgendo attività di servizio civile, i soggetti in cassa integrazione e coloro che abbiano maturato al 31 dicembre scorso i requisiti per il trattamento pensionistico di anzianità o di vecchiaia. Il contratto di ricollocazione è un nuovo strumento volto a facilitare l’inserimento lavorativo di disoccupati ed inoccupati di lunga durata in Sicilia. L’avviso 1/2017 prevede la realizzazione di percorsi di orientamento, formazione e supporto che consentano l’assunzione dei soggetti in cerca di occupazione, con particolare riferimento a quelle persone che trovano maggiori difficoltà nell’inserimento lavorativo o nel reinserimento (giovani, donne, persone con disabilità, disoccupati over 50, soggetti con limitate competenze di studio o di esperienza professionale, ex detenuti, migranti).
 
Ai disoccupati che completino il percorso verrà riconosciuta un’indennità oraria onnicomprensiva pari a 4 euro per ogni ora di effettiva partecipazione alle attività. Ai soggetti privati accreditati per i servizi verrà riconosciuto un contributo per un massimo di 8 mila euro a beneficiario assistito (solo nel caso di assunzione a tempo indeterminato del soggetto disoccupato o inoccupato).

Articolo pubblicato il 04 dicembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus