Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Siracusa - Disagio abitativo, una nuova iniziativa del Comune per contrastare il problema
di Giuseppe Solarino

L’amministrazione ha pubblicato un bando per la concessione dei contributi regionali per l’anno 2018. I “morosi incolpevoli” devono possedere un reddito Ise non superiore ai 35 mila euro

Tags: Siracusa, Disagio Abitativo



SIRACUSA - Nuovo provvedimento per contrastare il problema del disagio abitativo a Siracusa. L’Amministrazione comunale aretusea ha, infatti, pubblicato il Bando aperto per la concessione dei contributi regionali per l’anno 2018 in favore degli inquilini cosiddetti “morosi incolpevoli”. Il bando si rivolge a tutti coloro che hanno “ricevuto una citazione per convalida relativa all’anno 2018 e si trovano con una procedura esecutiva di rilascio in corso a causa della perdita o della consistente riduzione della capacità reddituale”.
 
Per poter accedere a detto bando bisogna essere in possesso di alcuni determinati requisiti tra cui: un reddito Ise non superiore ai 35.000 euro ed il cui valore Isee non superi i 26.000; che il richiedente e i componenti del nucleo familiare, non siano titolari di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella Provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare. Inoltre bisognerà allegare copia del contratto di locazione registrato e del provvedimento di sfratto.
 
Le somme di cui al contributo verranno versate ai proprietari che si dichiarino disponibili a consentire il differimento dello sfratto per morosità o a sottoscrivere un nuovo contratto di locazione.
 
Il primo cittadino, Francesco Italia, e l’assessore comunale alle Pari opportunità sociali, Alessandra Furnari, hanno dichiarato: “è solo l’ultima misura, in ordine di tempo, tra i numerosi provvedimenti adottati per contrastare il disagio abitativo, sempre più diffuso tra la nostra popolazione”.
 
“Attraverso i protocolli di intesa sottoscritti negli scorsi anni – hanno proseguito il sindaco e l’Assessore - abbiamo confermato le risorse in bilancio, affinchè il Comune di Siracusa e la Caritas Diocesana Arcidiocesi di Siracusa, continuino con i programmi di “Housing First” (la Casa prima di tutto) con l’obiettivo di garantire la possibilità di condurre in locazione un immobile ai soggetti ed ai nuclei familiari in difficoltà”.
 
“Nel mese di dicembre, - ha concluso il sindaco Francesco Italia - ho creato, con somme provenienti dal mio fondo di riserva, un fondo di garanzia per coloro che, pur avendo, con mille difficoltà, la possibilità di provvedere al pagamento dei canoni di locazione, non sono in grado di sottoscrivere un contratto di locazione perché non hanno la disponibilità delle somme che, di norma, vengono richieste a titolo di deposito cauzionale. Il Comune di Siracusa, quindi, continua a lavorare per approntare tutte le misure necessarie al sostegno dei propri cittadini in difficoltà, ma resta la necessità che la popolazione Siracusana, tutta, collabori”.
 
“Ogni giorno – ha aggiunto l’assessore Alessandra Furnari - dobbiamo fare i conti con la difficoltà dei beneficiari dei progetti in corso a reperire un immobile, stante la diffidenza dei proprietari. Stiamo lavorando su questo fronte per tentare di prevedere ulteriori incentivi, ma chiediamo intanto ai siracusani di aiutarci, concedendo in locazione gli immobili a chi beneficia dei progetti di Housing First o al nuovo bando per la morosità incolpevole”.

Articolo pubblicato il 06 febbraio 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus