Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Pari opportunità, solo un miraggio
di Liliana Rosano

L’indagine dell’Osservatorio Donne mostra la percentuale media delle donne nella pubblica amministrazione. L’Isola è tra le regioni con una presenza femminile (12,01%) al di sotto della media

Tags: Pari Opportunità, Donne, Lavoro



Palermo - Le pari opportunità nella Pubblica amministrazione siciliana sono ancora un miraggio. Sono ancora troppo poche le donne assessori, dirigenti o elette nei consigli comunali, provinciali. è il risultato dell'indagine “Barbablù che ne hai fatto delle tue donne”, realizzata dall'Osservatorio Donne nella Pa, iniziativa promossa da “futuro@lfemminile” e Forum Pa.

Se l’Italia è lontana dal modello dei paesi scandinavi, dove oltre la metà dei ruoli-chiave negli enti pubblici (ma anche nelle aziende private) è occupata dalle donne, il dato siciliano che emerge da questo rapporto non è affatto confortante. La Sicilia infatti è al penultimo posto fra le regioni italiane che detengono il record negativo di bassa percentuale di donne nella composizione di consiglio, giunta e apparato dirigenziale.
Esattamente, l’Isola è giù nella classifica con la percentuale del 12,01% mentre la media italiana è del 19,28. Fanalino di coda la regione Basilicata con una media dell’11,56 per cento. La maglia rosa spetta alla Sardegna, con il 32% di presenza femminile nei vertici politici e amministrativi, al Piemonte e Trentino Alto Adige (entrambi 28%) al Lazio (26%) e all'Emilia Romagna (22%).

Non vanno certamente meglio i comuni e le città metropolitane siciliani. In quest’ultimo caso, è la città di Catania ad essere fanalino di coda tra le città metropolitane (15 in tutto) con la più bassa percentuale di presenza femminile (9,38) nella pubblica amministrazione.
A farle compagnia, altre due città metropolitane siciliane: Messina, penultima, dove il 12,65 per cento dell’altra metà del cielo convive con una presenza tutta maschile e Palermo dove il valore medio dell’occupazione rosa si assesta al 16,24 per cento.
Le città metropolitane più virtuose si trovano tutte nel centro nord: Bologna in testa con un’occupazione media delle donne pari al 36,50%, mentre Genova segue al secondo posto con il 33,33% di donne dirigenti e consiglieri. Virtuosi anche i comuni di Pavia (35%), Ravenna e Cremona (33%).

La panoramica sui 103 comuni capoluogo presi in considerazione in tutta Italia mostra tutte le difficoltà delle donne siciliane ad affermarsi nel mondo della pubblica amministrazione e della politica.  La percentuale media è bassa a Siracusa (8,40%) che è giù in 98 esima posizione, Ragusa (10,07% in 92 esima posizione) . Un po’ meno peggio per Enna, 23,78% (36 esima posizione), Agrigento 22,63% (al 42 esimo posto) e Trapani (22,42 per cento). L’indagine rileva che, in generale, ad incidere maggiormente sul valore medio percentuale è il numero molto basso di consiglieri e assessori donne, mentre quasi sempre è alto il numero dei dirigenti donne.

Questo perchè, nella pubblica amministrazione, dove è dato spazio al merito attraverso concorsi e progressioni di carriera basate sui risultati, le donne hanno buon gioco a trovare il loro spazio. Dove invece  si tratta di incarichi fiduciari e di indicazioni “ad personam”, troppo spesso gli uomini al comando (e come si sa sono in maggioranza uomini sia i sindaci, sia i presidenti) scelgono uomini.

Articolo pubblicato il 15 maggio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Percentuale media delle donne nella Pa - Regioni - Fonte: Rilevazioni FORUM PA 2008
Percentuale media delle donne nella Pa - Regioni - Fonte: Rilevazioni FORUM PA 2008