Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Benzina, dopo la settimana santa ritorna lÂ’inferno dei rincari
di Giuseppe Bellia

Già finita la “tregua” d’inizio mese, i listini in Sicilia ritornano sui livelli di fine maggio. Ripristinato il gap di prezzo sino a un centesimo di € con le altre regioni

Tags: Carburante, Prezzi



PALERMO – La “tregua” ai distributori è durata ben poco.
Non si è fatto in tempo di comunicare i dati d’inizio giugno riguardanti i ribassi dei prezzi fra i 50 millesimi e un centesimo al litro, che la settimana successiva (questa appunto), i listini dei carburanti nell’Isola si sono riportati sui livelli di fine maggio.
In precedenza, i prezzi censiti per i carburanti sono stati competitivi a tal punto d’essere inferiori ai prezzi medi nazionali. Ma la realtà odierna è un’altra.

Infatti, secondo i dati rilevati lo scorso otto giugno dal Quotidiano Energia, nell’Isola, il prezzo al litro della benzina si è riportato sull’euro e quattro centesimi, e analogamente, anche buona parte dei listini diesel, si è normalizzata (come in maggio) sull’euro e due centesimi.
Tutto ciò, a fronte della quotazione del petrolio, all’incirca stabile in questa settimana sui 70 dollari (ieri 72,45), che pertanto può giustificare sul piano della domanda – offerta del bene economico, una nuova “impennata” dei listini.

Benzina
Prezzo medio nazionale censito lo scorso 8 giugno dal Quotidiano Energia 1,365 €.
(Pmn del 1° giugno era 1,363 €).
I listini censiti, hanno presentato andamenti diversi. Il “salasso” rilevato nel comparto, è stato quello Agip (1,454 €), prezzo largamente più caro dei concorrenti: maggiore di 50 millesimi di quello Esso e 64 millesimi di quello degli indipendenti.
Il listino Agip nell’Isola è aumentato di 82 millesimi in una sola settimana, quello Esso di 19 millesimi, prezziari ritornati ai livelli di prezzo di fine maggio.
L’effetto principale dei rialzi dei prezzi è stato nuovamente il ripristino della distanza fra i listini isolani e quelli delle altre regioni. Nuovamente, la “forbice” di prezzo è ritornata sui livelli precedenti: ad esempio il listino Agip isolano è stato più caro di 91 millesimi dello stesso listino rilevato in Piemonte.
Risultato finale: delle compagnie petrolifere censite, la benzina nell’Isola, è stata la più costosa.

Diesel
Prezzo medio nazionale rilevato lo stesso giorno e dalla stesse fonte 1,224 €.
(Pmn del 1° giugno era 1,218 €).
Nel comparto del diesel, il ritorno dei prezzi ai livelli di maggio c’è stato, ma con dei distinguo.
Il prezzo più “salato” della settimana è stato rilevato per la Esso (1,267 €), listino nettamente più alto dei concorrenti isolani. Il prezzo Esso è aumentato in una sola settimana di 95 millesimi (1,172 €). Sullo stesso livello, il listino degli indipendenti (1,249 €), mentre, il prezziario Agip (1,189 €) ha fatto rilevare un prezzo più economico non solo fra quelli censiti nell’Isola, ma anche di quelli esposti dalla stessa compagnia in altre regioni (Lombardia, Veneto, Emilia – Romagna, Piemonte).

Articolo pubblicato il 10 giugno 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Prezzi a confronto benzina, per regioni e compagnie petrolifere
Prezzi a confronto benzina, per regioni e compagnie petrolifere
Prezzi a confronto Diesel, per regioni e compagnie petrolifere
Prezzi a confronto Diesel, per regioni e compagnie petrolifere