Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

25 mld di credito al settore immobiliare pari al 42 per cento sul totale in Sicilia
di Maria Rosaria Minà

Alle imprese di costruzione solo il 18% e a quelle di servizi immobiliari appena il 5 %: dati pubblicati da BankItalia. Vi rientrano l’edilizia residenziale e non, ma anche le opere pubbliche e le attività di demolizione

Tags: Credito, Banche, Immobiliare, Edilizia, BankItalia



PALERMO - I finanziamenti al settore delle costruzioni costituiscono una quota rilevante e in crescita dei prestiti complessivi erogati in Sicilia.
Il dato, che riscontra fondamento nel Rapporto 2010 su l’Economia della Sicilia, redatto dagli uffici della Banca d’Italia di Palermo, tiene conto di un vasto settore, in cui confluiscono l’edilizia residenziale e non, le opere pubbliche e le attività di demolizione. Sono inoltre inclusi i finanziamenti concessi alle imprese dei servizi immobiliari ed alle famiglie consumatrici per l’acquisto di abitazioni.  Un presupposto attraverso cui assume significato la consistenza delle risorse coinvolte, che alla fine del dicembre 2009, ha raggiunto i 25 miliardi di euro, pari al 42% del credito complessivo della Sicilia.
Dal report si specifica che “la componente maggiore è rappresentata dai mutui alle famiglie consumatrici per l’acquisto delle abitazioni, che raggiunge oltre i tre quarti, rispetto ai finanziamenti alle imprese di costruzioni ed a quelle dei servizi immobiliari che assorbono, rispettivamente il 18% ed il 5%”.

Vale la pena sottolineare che, dopo la rapida espansione che si è registrata tra il 2003 ed il 2006, con una crescita media annua del 16,5%, è subentrata una fase di progressiva flessione, a partire dal 2007, “frutto di debolezza del mercato”, spiega una nota del report, “da cui ne è derivata un tasso annuo di crescita del credito progressivamente in discesa, attestandosi al 4,8% a chiusura del 2009”.
Un andamento che ha interessato sia i mutui alle famiglie che volevano acquistare un’abitazione, sia i finanziamenti alle imprese di costruzioni e dei servizi immobiliari. Si è affievolita, inoltre, la crescita dei prestiti alle famiglie. Un trend iniziato nel 2006, che ha raggiunto il 3,9% nel 2009. Sono tornati a crescere, invece, i flussi delle nuove erogazioni, conquistando sei punti e mezzo percentuali, rispetto all’estate 2008. Un fenomeno in controtendenza, tanto più  dopo tre semestri consecutivi di contrazione,  in una fase di riduzione  del livello dei tassi di interesse,  con la quota dei contratti stipulati a tasso fisso in picchiata fino ad un terzo rispetto al 78,6% della seconda parte del 2008.

Anche i finanziamenti bancari al settore delle costruzioni hanno rapidamente rallentato, anche se i primi segnali  risalgono a partire dal 2007, riflettendo la debolezza degli investimenti in questo comparto. A tal proposito una nota del report chiarisce che “la crescita su dodici mesi, che a marzo 2007 aveva raggiunto 21,7%, alla fine del 2009 era pari all’1,9%”.
Non risentono particolarmente della debolezza del mercato invece le imprese che operano nel settore dei servizi connessi alle attività immobiliari. Si tratta di imprese che si occupano di compravendita o locazione immobiliare e amministrazione dei condomini o ancora gestione dei beni immobili per conto terzi. Ebbene, per questa categoria la variazione nell’arco di un anno è stata di appena 0,6%, rispetto al 18,7% registrato nel giugno 2008.

Articolo pubblicato il 06 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Prestiti al settore immobiliare
Prestiti al settore immobiliare
I dati parlano
I dati parlano