Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Consorzi fidi attendono le annualità pregresse. Venturi: “Stiamo sbloccando 27 milioni”
L’assessore regionale delle Attività produttive rinuncia al sistema Fidiweb perché ancora non è stato attivato. I finanziamenti riferiti al periodo 2003-04-05. “Procedure di trasferimento diretto”

Tags: Marco Venturi, Consorzi Fidi



PALERMO - “Stiamo sbloccando finanziamenti pari a circa 27 milioni di euro di risorse da destinare ai Consorzi Fidi per il finanziamento di contributi in conto interessi per le annualità 2003, 2004 e 2005. Considerato che la piattaforma informatica “Fidiweb” attraverso cui gestire queste pratiche, non è stata attivata, ho comunicato la rinuncia a questo sistema e la contestuale attivazione delle procedure di trasferimento diretto ai consorzi Fidi, delle risorse. Questa occasione è utile per far comprendere lo spirito con cui questo governo agisce, concretamente e celermente”.
Lo ha dichiarato ieri l’assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi, intervenendo all’assemblea annuale di Assoconfidi in svolgimento al San Paolo Palace di Palermo.

L’Assoconfidi Sicilia raggruppa 41 Consorzi di garanzia fidi della Sicilia, di cui 29 riconosciuti dalla Regione. Presenti i consiglieri di amministrazione e soci imprenditori dei consorzi appartenenti ai settori dell’industria, del commercio e dell’artigianato che attraverso le loro garanzie consentono, ad oltre 90 mila imprese, l’accesso al credito per quasi 3 miliardi di euro (circa il 96% del credito erogato dalle banche con garanzia consortile) in Sicilia.

“In seguito a queste disfunzioni ho disposto una immediata azione amministrativa - ha proseguito Venturi - per l’erogazione delle annualità dal 2003 al 2005, provvedendo a sottoscrivere con i 12 consorzi fidi interessati, a seguito di incontri di concertazione, opportune integrazioni alle convenzioni già sottoscritte che consentono di trasferire agli stessi, le risorse già disponibili nel bilancio della Regione. Le operazioni di trasferimento sono già in corso ed i primi provvedimenti saranno operativi a giorni”.

Venturi inoltre ha annunciato l’imminente sblocco delle risorse, circa 8 milioni, relative all’annualità 2006: “Relativamente all’annualità 2006, l’articolo 109 della Finanziaria da me proposto, consentirà di procedere, concluse le procedure tecnico contabili, all’emanazione di apposito avviso, in corso già di predisposizione per l’importo di circa ulteriori 8 milioni di euro”.

“La Finanziaria regionale - prosegue Venturi nel suo indirizzo di saluto - contiene diversi aspetti positivi per le imprese e per il mondo cooperativistico, fra cui spicca il credito d’imposta. Al Governo regionale spetta il compito di attuare queste riforme utili a sostenere il tessuto imprenditoriale siciliano, già duramente colpito da una crisi economica senza precedenti, in attesa che si attui la ‘semplificazione burocratica’. Per le imprese, infatti, la lentezza della pubblica amministrazione rappresenta un costo aggiuntivo pesante da sostenere. Basti pensare proprio al fatto che, per intoppi di varia natura, ingenti risorse destinate alle piccole e medie imprese commerciali ed artigianali aderenti ai consorzi Fidi, erano rimaste bloccate nelle casse della Regione. Una vicenda alla quale si sta ponendo rimedio - ha concluso Venturi - e che ben rappresenta come opera questo governo, avendo sempre ben presente l’obiettivo di recuperare i ritardi pregressi”.

Articolo pubblicato il 31 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus