Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

160 milioni di euro per aiuti all’occupazione
L’assessore Leanza ha presentato i decreti a favore di chi assume a tempo indeterminato. Agevolazioni per le categorie di lavoratori svantaggiati o disabili

Tags: Lavoro, Lino Leanza, Occupazione



CATANIA - In dirittura di arrivo gli sgravi contributivi e il contributo fisso. Si tratta degli attesi aiuti all’occupazione (previsti dalle leggi regionali 9/2009 e 11/2010) in favore di aziende, studi professionali, cooperative e associazioni con sede in Sicilia che assumono con contratto a tempo indeterminato. I lavoratori e le lavoratrici destinatari di queste agevolazioni sono quelli “svantaggiati”, “molto svantaggiati” e “disabili” (come da classificazioni dettate dal regolamento CE n°800 del 2008).

L’iter burocratico delle due misure è ultimato. Con la firma apposta sui decreti da parte dell’assessore al Lavoro, Politiche sociali e Famiglia, Lino Leanza, sono stati definiti gli aspetti procedurali e amministrativi di competenza della Regione. Nei prossimi giorni il dirigente generale dell’Agenzia per l’impiego trametterà il proprio decreto attuativo alla valutazione della Corte dei Conti e seguira’ la pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.

“Con questi provvedimenti stiamo dando una boccata d’ossigeno alle aziende e ai lavoratori siciliani. Si tratta di vere e proprie misure anticongiunturali votate all’unanimita’ dall’Assemblea regionale siciliana con le quali contrastare la crisi occupazionale”, lo ha affermato l’assessore Leanza che ha illustrato, nella sede catanese della presidenza della Regione, i contenuti dei decreti alle associazioni di categoria e datoriali con le quali è stato concertato l’intero percorso dei due aiuti all’occupazione.
“Gli sgravi contributivi e il contributo fisso nel triennio 2010/2012 - ha continuato Leanza - saranno finanziati con 160 milioni di euro del Fondo sociale europeo”.
In dettaglio per lo sgravio contributivo sono previsti 20 milioni di euro per il 2010, 30 per il 2011 e 40 per il 2012; mentre per il contributo fisso sono previsti 10 milioni di euro per il primo anno, 30 ciascuno per i successivi due.

Sostanziali le semplificazioni introdotte dai decreti per l’adempimento delle procedure. “è prevista - ha proseguito Leanza - la presentazione di un’unica istanza per la richiesta di accesso alle due misure, evitando quindi un’inutile duplicazione di procedure e documentazione. Inoltre l’iter per l’accesso alle misure sarà effettuato esclusivamente con flussi informatici certificati. I decreti - ha proseguito - fissano, quindi, nuove regole nel rapporto fra cittadino e pubblica amministrazione disegnando un approccio innovativo, votato all’efficienza e alla trasparenza. L’adozione della procedura informatizzata consentira’ l’invio dei flussi in tempo reale e l’abbattimento dei costi di istruttoria, garantendo altresi’ tempi certi di erogazione delle risorse assegnate ed un costante monitoraggio che si traduce nella programmazione delle risorse”.

Semplificata, di conseguenza, anche l’attività di monitoraggio e controllo ex post da parte degli ispettori del Lavoro, l’Inps e la Guardia di Finanza. I datori di lavoro beneficiari sono quelli con sede di lavoro in Sicilia e che effettuano nuovi assunzioni di lavoratori e lavoratrici: disabili, molto svantaggiati (disoccupati o inoccupati da oltre 24 mesi) e svantaggiati, in quest’ultima classificazione rientrano: i disoccupati da oltre 6 mesi; i titolari di diploma della sola scuola dell’obbligo; gli ultra cinquantenni; adulti che vivono soli con a carico una o più  persone; lavoratori occupati in settori a disparità uomo donna superiore al 25%; membri di una minoranza nazionale.

Per quanto concerne l’entità  degli aiuti previsti: il contributo fisso è di 333 euro al mese ed e’ elargito per 12 mesi in caso di assunzione di lavoratore svantaggiato, periodo che sale a 24 mesi per i lavoratori disabili o molto svantaggiati; identico meccanismo si applica per l’assunzione di lavoratrici: varia solo l’importo del contributo, 416 euro al mese.  Lo sgravio contributivo, invece, si esplica in un’erogazione pari agli oneri previdenziali e assistenziali obbligatori, compresi gli assegni familiari, pagati dal datore di lavoro. Le due misure sono complementari e cumulabili entro il limite massimo del 50% dei costi salariali e fino al 75% per i lavoratori disabili. “Vantaggi importanti - conclude Leanza - per le nuove iniziative economiche che si attivano nel 2010 alle quali sarà riconosciuto il contributo fisso, per tutte le assunzioni effettuate dal 1 gennaio 2010”.

Articolo pubblicato il 21 settembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus