Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Caltanissetta - Ancora mille i processi pendenti il Tribunale gelese è in difficoltà
di Liliana Blanco

Il grido d’allarme, soprattutto per l’inizio del 2011, è stato lanciato dal presidente Alberto Leone. Nonostante i pochi giudici, è stato molto il lavoro smaltito negli ultimi mesi

Tags: Alberto Leone, Magistrati, Processi, Tribunale



GELA (CL) - Pochi giudici, ma molto lavoro smaltito. È questo il bilancio degli ultimi mesi del tribunale gelese, dove in pochi giorni sono stati trasferiti ad altre sedi tre magistrati e a gennaio ne verranno trasferiti altri due.
Una situazione difficile per il Tribunale gelese, che a 20 anni dalla sua istituzione vive sempre gli stessi problemi. Il grido d’allarme è stato lanciato dal presidente Alberto Leone.

“Con l’assegnazioni in altre sedi – ha detto – di questi tre magistrati, ci troveremo a fronteggiare un periodo veramente difficile, anche se a gennaio per un periodo limitato a sei mesi, verranno a lavorare qui altri due giudici”.
Questo l’organigramma del personale in servizio al momento: la sezione civile dovrebbe avere un organico di cinque giudici e invece in servizio ce ne sono solo due; la sezione penale ne prevede cinque e ce ne sono solo tre; la sezione Gip, invece è coperta (due giudici su due previsti in organico). Quindi, sette posti coperti sui dodici previsti in pianta organica. L’ufficio del giudice monocratico è completamente scoperto, così come quello del giudice del lavoro. Ad aprile arriveranno sei nuovi giudici, ma secondo la nuova normativa non potranno assolvere ai compiti di giudice monocratico. La norma, infatti, prevede che i magistrati di nuova nomina non possano svolgere compiti di giudicante monocratico penale e di pubblico ministero e questo limita notevolmente la gestione della macchina giudiziaria, in quanto il già limitato numero di magistrati giovani non può ricoprire gli incarichi istituzionali più ricorrenti.

“Questo – ha aggiunto il presidente Leone – ingessa il nostro lavoro visto che, pur avendo la disponibilità di giudici, questi non potranno assolvere ai compiti che si presentano quotidianamente nella vita di una struttura giudiziaria”.
A fronte di tutto questo, comunque, ferve il lavoro dei magistrati: secondo i dati dell’attività espletata nei primi sei mesi dell’anno 2010, per la sezione penale sono rimasti solo 712 processi pendenti, di cui 43 risalenti agli ultimi tre anni, mentre sono solo 273 sono i processi ancora pendenti per la sezione civile.
 

 
Trasloco: collegamento della rete informatica
 
GELA (CL) - Lunga e faticosa è stata la battaglia del presidente del Tribunale per ottenere l’assegnazione di sei giudici, dopo l’espletamento del concorso. Il problema della carenza di personale nei tribunali di frontiera è un dato comune a tutti i piccoli tribunali, per questo dopo 20 anni la situazione del personale al Tribunale di Gela non è cambiata. Anzi, a volte peggiora, per poi risollevarsi sono per qualche tempo.
Qualche giorno fa, intanto, è stata espletata la gara per il trasloco nella nuova sede del Palazzo di Giustizia. “Prevediamo di potere trasferire le attività – ha detto Leone - entro la fine dell’anno, anche se il problema reale non è rappresentato da trasloco di arredi e plichi ma il collegamento della rete informatica che snellisce notevolmente il nostro lavoro. Questo rappresenta uno scoglio da superare. Io lavoro su questo trasferimento ogni giorno anche se i lavori strutturali si sono conclusi da qualche mese, restano da risolvere problemi logistici”.

Articolo pubblicato il 09 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Il nuovo Tribunale
Il nuovo Tribunale