Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Urp Regione: solo 5 rispondono alle email
di Marina Mancini

Mentre l’assessorato regionale Autonomie locali diffida 80 Comuni che non hanno l’Ufficio relazioni col pubblico. Il dialogo tra la pubblica amministrazione regionale e il cittadino esiste solo sulla carta

Tags: Enti Locali, Urp, Caterina Chinnici



PALERMO - Garanzia di accesso e trasparenza, ascolto delle esigenze degli utenti e verifica della loro soddisfazione, promozione dell’ente, innovazione, semplificazione. è questa la mission degli Urp, gli uffici relazioni con il pubblico istituiti dall’articolo 12 del decreto legislativo 29 del ‘93 e rilanciato dall’articolo 8 della legge 150/2000.

Eppure 80 Comuni siciliani sono a rischio commissariamento perché, stando ai dati del monitoraggio eseguito dall’assessorato regionale alle Autonomie locali e della Funzione pubblica guidato da Caterina Chinnici, non hanno attivato l’Urp.

A 17 anni dall’emanazione della norma che li istituisce ci sono ancora enti pubblici che non hanno un Urp, o amministrazioni che li hanno smantellati, trasformati, sviliti.
Commentando il dato l’assessore Chinnici, che aveva emanato nel luglio scorso una direttiva per sollecitare gli enti inadempienti a mettersi in regola, ha detto: “la mancata istituzione degli Urp dimostra quanto ancora siano lontani pubblica amministrazione e cittadino”.

C’è da dire che talvolta anche la Regione, al suo interno, soffre di qualche défaillance di comunicazione interna e verso il cittadino.
La stessa Regione Siciliana, da un lato, attraverso il suo assessorato alle Autonomie Locali e Funzione Pubblica sollecita chi non applica la legge a mettersi in regola, pena il commissariamento, dall’altro non garantisce il corretto funzionamento della comunicazione interna ed on line mediante gli indirizzi di posta elettronica pubblicati sul portale istituzionale della Regione, nella sezione “Servizi informativi: uffici per le relazioni con il pubblico”:  http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_UfficiRelazionePubblico.

Nella suddetta pagina sono indicati 27 indirizzi mail per 38 tra dipartimenti, ex-dipartimenti, comandi (4 di questi non riportano una mail dell’urp). Abbiamo inviato una richiesta di informazioni per conoscere le mail Pec a 34 diversi uffici regionali.
A risponderci solo in 5 su 27: la segreteria generale della Presidenza della Regione, l’ufficio della segreteria di Giunta, l’Urp del Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, l’Urp del dipartimento della Protezione civile ed infine l’Urp del dipartimento Programmazione.

In due casi si rimandava il quesito ad altro ufficio dal quale non abbiamo ricevuto risposta, più utili le risposte della Segreteria di Giunta, della Presidenza e dell’Urp del dipartimento Programmazione che ci hanno fornito alcuni dettagli.
La richiesta di informazioni, via mail, è stata inviata il primo ottobre, l’ultima risposta è arrivata il 12 ottobre: 12 giorni per ricostruire l’informazione, desunta dal confronto di risposte talvolta anche con versioni difformi! Non sarebbe il caso che la Regione si doti di un Urp efficiente ed efficace che coordini gli urp dei vari dipartimenti al fine di rispondere alle richieste degli utenti in maniera più armonica e coordinata?

Articolo pubblicato il 16 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus