Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Con il credito d’imposta Pil siciliano +1,1%
di Chiara Giarrusso

Le “proiezioni” dell’assessore all’Economia Gaetano Armao. Lo studio Prometeia prevede un +2,8% di investimenti

Tags: Gaetano Armao, Pil, Economia



Abbiamo intervistato l’assessore regionale al Bilancio, Gaetano Armao.
Il prodotto interno lordo, secondo i dati Istat, nell’ultimo trentennio è cresciuto meno rispetto alla media nazionale.Quali misure la Regione intende mettere in campo?
“La ricetta per far crescere la ricchezza dell’isola è il credito di imposta che partirà i primi di marzo. Le imprese potranno chiedere l’ammissione a questa misura per nuovi investimenti. Come anticipato da uno studio di Prometeia al termine del periodo è previsto che l’incentivazione generi un incremento del 2,8% per gli investimenti e dell’1,1 per cento del PIL. Si tratta di un meccanismo a burocrazia zero, la verifica delle istanze avverrà per via informatica ed entro trenata giorni l’impresa saprà se la sua domanda  che Prometeia ha individuato e che avrà  ricadute importanti sul Pil.  Si tratta di rimodulare le risorse europee, a questo si aggiunga il taglio al numero delle partecipate deciso in questi giorni. La regione ha previsto una spesa di 600 milioni di euro in cinque anni, che doveva attingere dai fondi del Par Fas, che lo Stato non ha ancora erogato e che saranno anticipati dal bilancio regionale”. 
La scorsa settimana il Cipe ha deliberato una riduzione del 10% ai Fondi del Par Fas da destinare alle Regioni a quanto ammonta il taglio previsto per la Sicilia? 
“Il piano per il Sud, approvato dal Cipe,  determina 1 mld di euro in meno per la Sicilia. I tagli certo non aiutano, vedremo come inciderà questa riduzione per l’isola”.

Articolo pubblicato il 04 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Regione sprecona, Pil calante -
    1980/2010. Il Pil regionale dal 6,1% al 5,6% di quello italiano.
    Pil Sicilia 2010. Secondo la Ruef  (Relazione sull’economia e la finanza pubblica) il Pil Sicilia nel 2010 dovrebbe toccare quota 87 mld di euro: il 5,6% del Prodotto interno lordo italiano (1.554 mld di euro).
    Sprechi. Tagliando gli sprechi (tra cui 1,5 mld per il personale regionale a tempo determinato, 500 mln per le province regionali) la Regione siciliana guadagnerebbe 3,4 mld per gli investimenti.
    (04 dicembre 2010)
  • Maggiori investimenti con le risorse del Par Fas -
    Il presidente della Regione Lombardo ci dice come si può aumentare il Pil. Pochi ma importanti bandi per non polverizzare la spesa
    (04 dicembre 2010)
  • Con il credito d’imposta Pil siciliano +1,1% -
    Le “proiezioni” dell’assessore all’Economia Gaetano Armao. Lo studio Prometeia prevede un +2,8% di investimenti
    (04 dicembre 2010)


comments powered by Disqus