Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Marciapiedi, vergogna in città sono devastati e impraticabili
di Claudio Di Gesù

Dopo nove mesi dal nostro primo articolo, non è cambiato nulla, anzi il degrado è aumentato. Eccezioni solo nelle vie “chic”. Per il resto, sosta selvaggia e scarsa manutenzione

Tags: Palermo, Marciapiedi, Parcheggi



PALERMO -  Noi non dimentichiamo! Potrebbe essere questo il titolo a effetto di un film che simboleggia le tante piccole e grandi emergenze della città.
Una di queste, (ne abbiamo già parlato in un articolo il 30 marzo 2010) è la tanto disastrata situazione dei marciapiedi. Con tutte le disavventure quotidiane che vive oramai questa città, dai rifiuti, ai sottopassi, ai parcheggi realizzati e inutilizzati, ai sempre più disattesi controlli, è l’impraticabilità dei marciapiedi meritevole dell’attenzione della stampa? Pensiamo proprio di sì. Quest’affermazione deriva dalla consapevolezza che un’attenta e sicura pianificazione costruttiva e manutentiva di questi spazi, contentirebbe sicuramente di vivere e fruire della vita quotidiana con maggiore serenità. Intendiamo con ciò riferirvi, della quasi totale, impraticabilità di una percentuale altissima di marciapiedi.

A onor del vero, esiste una zona di rispetto c’è ma, purtroppo, è sempre quella che si riferisce al salotto buono della città e cioè, i tratti di marciapiede di via Libertà e in generale dove le vetrine supereleganti e notevolmente luminose di alcune zone commerciali, non possono che rispecchiarsi in un adeguato spazio dedicato al passeggio.
In queste zone, Palermo sembra come Parigi, non una carta per terra e soprattutto marciapiedi in ordine, alberi le cui radici non fuoriescono (saranno alberi chic!).

Così non è per le altre parti della città dove, magari, le luci delle vetrine sono meno intense e gli spazi antistanti, sicuramente meno praticabili. Nell’articolo di qualche mese addietro facevamo espresso riferimento all’incuria. Una malattia contagiosa e diremmo pericolosa, perché spesso il solo camminare sui marciapiedi è diventata un’impresa impossibile. Radici di alberi che fuoriescono (un esempio è riportato dalla foto scattata in Piazza Gen. Turba) esattamente davanti ad una caserma dell’esercito; escrementi di animali e, ultimo ma non meno incisivo, il tocco finale, la sosta selvaggia di motocicli e affini che utilizzano il marciapiede come luogo di parcheggio, oramai, riconosciuto dai più, come “cosa buona e giusta”.

Questa è la cornice di un quadro la cui tela potrebbe essere ridipinta con più attenzione. Numerose aziende e un numero notevole di personale si occupa o forse, sarebbe giusto dire, si dovrebbe occupare in città, di tutto ciò. Il comune, con il suo Corpo di Polizia municipale per i doverosi controlli sui parcheggi selvaggi, l’Amia per i rifacimenti dei marciapiedi, la Gesip e il settore ville e giardini del Comune per la manutenzione del verde e, chi più ne ha, ne metta.
 

 
Prossimi interventi. L’assessore Carta: “Piano di recupero da 2,5 mln €”
 
Del problema abbiamo discusso con Maurizio Carta, assessore comunale al Centro storico e alla Riqualificazione urbana che ci ha fornito con la massima cortesia, a onor del vero sempre usuale, le anteprime sugli interventi urgenti che si stanno incominciando a realizzare. “E’ stato approvato a luglio di quest’anno, dal Consiglio comunale - spiega Carta- la delibera da me predisposta, contenente il piano di utilizzo delle economie dei primi quattro bandi della L.R. 25/93, un piano d’interventi di 24 mln € per il recupero e la valorizzazione del centro storico”. In particolare uno stralcio, di circa 18 mln €, sarà destinato a opere pubbliche, le cui priorità principali sono state individuate, nel ripristino dei marciapiedi, con un piano complessivo di spesa di circa di 2,5 mln €. “Non è solo un piano d’interventi di recupero - ha chiarito Carta - ma è il primo passo per una vera e propria politica integrata di valorizzazione, oggi quanto mai indispensabile per risolvere le emergenze, per incrementare la vivibilità e riattivare il partenariato privato”.

Articolo pubblicato il 11 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Posteggio selvaggio anche sul marciapiede di via Libertà (cdg)
Posteggio selvaggio anche sul marciapiede di via Libertà (cdg)
Marciapiede disastrato in Piazza Turba (cdg)
Marciapiede disastrato in Piazza Turba (cdg)