Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Finanziamenti alle cooperative siciliane erogabili entro 60-90 giorni dalla richiesta
Accordo tra l’Ircac e l’assessorato regionale alle Attività produttive per semplificare i passaggi burocratici. Quest’anno l’Istituto ha già deliberato 206 contributi per 16,6 milioni, di cui 88 a Palermo

Tags: Antonio Carullo, Ircac, Marco Venturi



PALERMO - Un impegno per la sburocratizzazione, in armonia con le indicazioni provenienti dal governo della regione, che consente all’Ircac di erogare i propri finanziamenti a distanza di 60-90 giorni dalla richiesta.
Il commissario straordinario dell’Ircac, Antonio Carullo, ha aperto così la conferenza stampa di presentazione dell’attività del 2010 dell’Istituto, che si è svolta ieri alla presenza dell’assessore regionale alle Attività produttive Marco Venturi.

“Un risultato positivo - ha detto Carullo - che è stato possibile raggiungere anche grazie all’apertura degli sportelli decentrati (l’ultimo nel 2010 a Caltanissetta ) che consentono anche ai cooperatori di Agrigento, Catania, Caltagirone, Messina e Siracusa di potere avere rapporti più diretti con l’Ircac”.

Anche nel 2010 l’Ircac ha confermato i dati degli anni scorsi relativamente al numero e all’importo dei finanziamenti concessi alle cooperative siciliane. “L’Istituto ha deliberato 206 finanziamenti - ha detto Carullo - per un ammontare di 16 milioni e 662 mila euro, in linea con la media annuale degli ultimi sei anni”.

Nel 2010 il maggior numero di finanziamenti, fra diretti ed indiretti, sono stati deliberati a favore di cooperative della provincia di Palermo (88), seguita da Catania (50), Ragusa (18), Trapani (16), Agrigento (12), Messina (11) Caltanissetta e Siracusa (8). “Dal 2004 ad oggi sono stati concessi in tutto 1.040 finanziamenti - ha precisato - soprattutto crediti di esercizio (427) seguiti da richieste per il contributo interessi (267) e il leasing agevolato (184) e crediti a medio termine (124 pratiche) per un totale di 140 milioni e mezzo di euro”.

Il commissario Carullo ha anche ricordato i numeri del recupero crediti: quest’anno sono stati incassati dall’Ircac 4 milioni e mezzo di euro mentre dal 2004 ad oggi il recupero crediti ammonta a ben 36 milioni e mezzo di euro.
L’assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi, ha approfittao dell’occasione per lanciare un avvertimento: “In Sicilia - ha detto - operano oltre 500 mila imprese, l’85% delle quali hanno meno di 15 dipendenti. è un mondo fragile. Le nostre imprese, dal dopoguerra ad oggi - ha aggiunto - non hanno avuto alcuna evoluzione. Fare impresa in Sicilia è difficile un pò per colpa della mafia e un pò per colpa della macchina elefantiaca della burocrazia”.

Articolo pubblicato il 15 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus