Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Al Front office solo personale gentile
Alle edizioni del percorso formativo hanno partecipato complessivamente 880 funzionari delle PA di 12 Regioni tra cui la Sicilia. Svolti stage presso: Comune di RE, l’Ao di Pd, il Comune di Mi, l’ACI e il Contact Center Linea Amica

Tags: Pubblica Amministrazione, Cortesia, Front Office



ROMA - Si sono appena concluse le attività 2010 di “Front Office chiavi in mano”, la formazione per il Network di Linea Amica, a cui hanno preso parte circa 1000 persone tra responsabili e operatori di front office. Alle 12 edizioni del percorso formativo hanno partecipato complessivamente circa 880 funzionari delle PA di Toscana, Veneto, Sardegna, Campania, Puglia, Lazio, Molise, Sicilia, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria.

Nell’ambito dell’attività “Front Office chiavi in mano” sono inoltre state realizzate 7 edizioni di stage, che hanno coinvolto circa 65 responsabili di strutture di Front Office: le visite di studio si sono svolte presso il Comune di Reggio Emilia, l’Azienda ospedaliera di Padova, il Comune di Milano, l’ACI e il Contact Center Linea Amica.

Sul sito del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione (www.innovazionepa.gov.it) è disponibile il Rapporto analitico sulla quarantanovesima settimana di attività del 2010 (dal 4 al 10 dicembre) di “Linea Amica”, il più grande network europeo di relazioni con il pubblico presentato il 29 gennaio 2009 dal Ministro Renato Brunetta. “Linea Amica” - che si pone l’obiettivo di una Pubblica Amministrazione gentile, trasparente e valutabile - raccoglie finora 1050 URP o centri di risposta al cliente. Realizzato con la collaborazione di Formez PA, questo servizio si avvale in particolare della partecipazione di Inps, Inail, Inpdap, Agenzia delle Entrate, Comune di Roma, Comune di Milano, Centri di Prenotazione Sanitaria del Lazio e dell’Emilia Romagna nonché della piena cooperazione di vari Ministeri, Regioni ed Enti locali. Nelle settimane trascorse è stata attivata la collaborazione, fra gli altri, con l’Isfol - Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori - e con l’Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino.

Nella sezione “Network” del portale è consultabile una mappa dell’Italia con i recapiti delle amministrazioni che collaborano con il network. Nella settimana dal 4 al 10 dicembre, il network ha raggiunto 1.092.500 contatti, inclusi risponditori automatici. I contatti assistiti da operatori sono stati 955.000, così distribuiti: 109.400 presso Ministeri (11,5%), 128.300 presso Enti previdenziali (13,4%), 35.700 presso Agenzia delle entrate ed enti fiscali (3,7%), 69.500 presso altri enti pubblici, tra cui il centro di contatto sul Bonus Elettrico e il contact center di Linea Amica (7,3%), 10.100 presso Scuola e Università (1,1%), 326.000 presso Regioni e strutture sanitarie (34,1%), 276.000 presso Comuni, Province e strutture locali (28,9%).
Il cittadino può fornire una valutazione sul servizio “Linea Amica” tramite telefono o web. È attivo un sistema informatizzato per la registrazione della soddisfazione dei clienti: il cittadino può esprimere la sua valutazione direttamente tramite la tastiera telefonica a conclusione della chiamata.
 

 
Informazioni anche su finalità, modalità e ambito di utilizzo della Posta Elettronica Certificata
 
Dal 1° dicembre 2009 gli operatori di Linea Amica forniscono anche informazioni e assistenza a cittadini, imprese, professionisti e pubbliche amministrazioni su finalità, modalità e ambito di utilizzo della Posta Elettronica Certificata. Dal 2 febbraio scorso Linea Amica fornisce inoltre informazioni e assistenza per il Corso-Concorso Ripam bandito per l’assunzione di 534 unità nel Comune di Napoli. Dal 15 febbraio è attivo Linea Amica Immigrazione, un servizio di informazione e supporto multilingue ai cittadini stranieri ed italiani sui temi dell’immigrazione e, in particolare, sul lavoro domestico. Gli operatori rispondono in inglese, francese e spagnolo.

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐