Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La spesa corrente dei Comuni supera la loro capacità fiscale
di Lucia Russo

I dati del Centro studi Sintesi dimostrano che il criterio della spesa storica deve essere superato. Questo vale per 29,2 Comuni su 100 nell’Isola. In Sardegna per 42,8 su 100

Tags: Spesa Corrente, Enti Locali



La Sicilia sta meglio della Sardegna ma è nel calderone delle regioni che presentano un alto numero di comuni dove vi è uno squilibrio tra la spesa corrente comunale e la capacità fiscale.

Precisamente una fetta importante di Comuni ha una spesa corrente procapite superiore al 30% della media, tra questi ve ne sono alcuni che hanno una capacità fiscale decisamente bassa. Sono infatti il 5,75% dei 7.750 comuni analizzati le realtà locali dove il reddito procapite dei residenti, misurato dall’Irpef è inferiore al 70% di quello medio nazionale e contestualmente la spesa corrente supera del 30% quella media nazionale.

I dati sono del Centro Studi Sintesi di Venezia che, in questa delicata e cruciale fase di attuazione del federalismo fiscale comunale, ha voluto verificare la relazione tra la capacità fiscale (imponibile Irpef procapite) e la dimensione della spesa corrente dei comuni italiani.

Sono soprattutto i comuni delle regioni del Sud che presentano questo squilibrio ed in particolare in Sardegna (42,82% di tutti i comuni sardi) sono quasi la metà, ma ve ne sono parecchi anche in Sicilia (29,2%) e in Molise (24,56%). Abruzzo (7,94%), Basilicata (7,81%) e Calabria (7,16%) ospitano una quota di Comuni con questo “squilibrio” in proporzione superiore al resto d’Italia, mentre al contrario Friuli Venezia Giulia, Toscana, Emilia Romagna e Veneto ne hanno soltanto uno. Chiude la graduatoria la Valle d’Aosta, che non presenta comuni a bassa capacità fiscale ed ad alta spesa corrente procapite.
Se passiamo ad osservare i comuni capoluogo, le città meno equilibrate da questo punto di vista sembrano essere Napoli (indice di spesa al 129% e capacità fiscale al 64%), Catania (116%;64%), Lanusei (108%; 68%), Palermo (102%; 62%), Cosenza (106%; 71%), Oristano (108%; 78%), Salerno (110%; 81%), Cagliari (124%; 99%), Nuoro (102%; 81%), Lecce (104%; 83%) e Potenza (104%; 84%).
 
Al contrario la maggior parte dei capoluoghi italiani (72%) si trovano in una situazione di sostanziale reciprocità tra quanto possono spendere sulla base della capacità fiscale e quanto effettivamente poi spendono.
“Questo studio che da un lato analizza la capacità fiscale dei comuni e dall’altro la confronta con la propensione alla spesa non mette in discussione – affermano i ricercatori del Centro Studi Sintesi – la perequazione e il principio di solidarietà tra i territori, bensì contribuisce unicamente a fare un po’ di luce sulla necessità di abbandonare il criterio della spesa storica per passare ad un più adeguato sistema di finanziamento basato sugli effettivi fabbisogni di spesa”.

Articolo pubblicato il 20 gennaio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
I dati dai Comuni analizzati
I dati dai Comuni analizzati