Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Opere pubbliche, crollo da 730 milioni di euro
di Michele Giuliano

Economia. Crollo degli appalti. Enti locali immobili.
Piccoli cantieri. Da tempo immemorabile si parla di sbloccare i piccoli cantieri che libererebbero una miriade di fondi e incrementerebbero gli appalti pubblici. Cosa che però non è mai avvenuta.
570 appalti. Nel 2010 ci sono stati appena 570 appalti che divisi per i 390 Comuni, le 9 Province e la Regione, vuol dire che mediamente ogni ente pubblico siciliano ha bandito un appalto e mezzo in un anno.

Tags: Appalti, Michele Cimino, Salvo Ferlito



Una debacle continua e inesorabile. Il crollo degli appalti pubblici in Sicilia sono probabilmente una delle cause principali della profonda crisi delle imprese: per quelle edili in particolar modo ma anche per l’enorme indotto che vi gravita attorno. Nell’ultimo triennio, conti alla mano, si è registrata una contrazione di circa il 70 per cento dei fondi investiti dalle amministrazioni a tutti i livelli per le opere pubbliche. Una cifra enorme che va quasi dal milione e 300 mila euro del 2007 agli appena 500.000 euro del 2010. Si è passati da 1.238 gare bandite alle attuali 570.  Numeri impietosi che sono stati snocciolati dall’Osservatorio regionale dell’Ance Sicilia, l’Associazione nazionale costruttori edili, e che lascia spazio a pochi altri commenti. In realtà molti amministratori dicono di avere a disposizione molti meno soldi da qualche anno a questa parte ma è una bugia. (continua)

Articolo pubblicato il 29 aprile 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

Quadro delle gare e degli importi banditi dal 2007 al 2010
Quadro delle gare e degli importi banditi dal 2007 al 2010