Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Isola pedonale e pochi controlli. Cronaca di una domenica a piedi
di Claudio Di Ges├╣

Il totem informativo di piazza Castelnuovo, che figura nelle guide turistiche, è stato abbattuto. “Vu cumprà”, mendicanti e cartacce nei marciapiedi della zona chiusa al traffico

Tags: Palermo, Traffico, Fabrizio Ferrandelli



Tutti pensano, e da più parti è sempre più sollecitata, che la chiusura al traffico di alcune aree del centro cittadino sia cosa buona e giusta e sicuramente lo è, in funzione di tante valutazioni e opportunità, siano esse commerciali o sociali che la stessa determina. E’ veramente cosa buona e giusta se poi, realizzata, si lascia all’incuria più totale il controllo di queste zone? L’aumento del flusso di cittadini che si riversano nell’area della città compresa tra piazza Croci e piazza Verdi, soprattutto nelle giornate di domenica, dovrebbe determinare una maggiore presenza di Polizia municipale, ma, nel periodo in cui il cronista si è lasciato trascinare dal consapevole vagabondaggio dei numerosissimi palermitani appiedati, non ha potuto che costatarne l’assenza quasi totale.

A onor del vero, la presenza è ben rappresentata dalle autogru convenzionate che operano in tempo reale sui malcapitati, e forse distratti automobilisti che, parcheggiano la loro vettura in un lato interdetto alla sosta, per il resto la presenza di polizia municipale è tabula rasa. Ci si accorge così, che sotto i portici di via Ruggero Settimo i ‘vu cumprà’ nostrani invadono i marciapiedi con le loro mercanzie. A questi ultimi aggiungiamo gli improvvisati mendicanti che non disdicono di chiederti qualche spicciolo per mangiare. Se tutto ciò non bastasse ad identificare una domenica di ordinaria chiusura al traffico, c’è anche la sorpresa. Infatti se gli ignari cittadini pensano di non trovare auto lungo il percorso pedonale, si sbagliano, le auto ci sono.
 
E’ chiaro che tutto ciò dipende dalla mancanza di rispetto di chi non riesce a fare a meno della propria auto, ma anche, e soprattutto, da una mancata presenza di controlli. La chiusura al traffico e la conseguente pedonalizzazione, non è a uso esclusivo dei palermitani, ma anche dei numerosi turisti presenti in città che, in uno slalom “etnico” tra le borse dei ‘vu cumprà’, i falsi invalidi o poveri e orgogliosi mendicanti, oltre che, tra le cartacce illustrative di un’inedita domenica disseminate ovunque, magari, cercano un’informazione. Cosicché, non trovando Polizia municipale cui chiedere, raggiungono il più vicino totem informativo a piazza Castelnuovo che, nelle loro guide risulta essere ancora funzionante. Ahimè, si accorgono ben presto che anche il totem informativo è stato abbattuto. In compenso, gli è stato dato un’onorevole recinzione.
 

 
Ferrandelli (Idv): “Serve una programmazione per evitare il caos”
 
“Anche questo fine settimana è stato un incubo per tutti quei cittadini che si sono trovati a dover attraversare in auto le arterie centrali della nostra città. La mancata strutturazione dell’evento - afferma il capogruppo di Idv Fabrizio Ferrandelli - ha reso ancora una volta problematica l’iniziativa, importante e assolutamente condivisa, di pedonalizzazione del centro storico. E’ necessaria - continua Ferrandelli - un’azione sistematica e programmata da parte del corpo di Polizia municipale che, con segnaletica e transenne, guidi gli automobilisti verso tragitti alternativi snellendo il traffico cittadino piuttosto che la solita azione tampone repressiva che non impedisce che la città sia gettata nel caos e che - conclude Ferrandelli - trasforma in disagio ciò che invece potrebbe essere un’occasione importante per i commercianti e per i cittadini”.

Articolo pubblicato il 14 giugno 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Totem informativo di Piazza Castelnuovo (cdg)
Totem informativo di Piazza Castelnuovo (cdg)



´╗┐