Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ecco come la pesca annega in Sicilia
di Chiara Giarrusso

Pesca. Settore in crisi, ma non si trovano le contromisure.
Concause. L’incremento del costo del gasolio (+38,5%), la flessione degli scambi (-10%), la riduzione dei prezzi (-10/20%) dei prodotti ittici, hanno condizionato pesantemente il settore.
Diminuiscono i lavoratori. Secondo il Rapporto annuale pesca e acquacoltura 2010, i lavoratori del settore sono stati 1.500 in meno nel 2010 e 4.500 in meno nell’ultimo triennio.

Tags: Pesca, Salvatore Barbagallo



PALERMO - Non si ferma l’emorragia di posti di lavoro nel comparto pesca in Sicilia: sono stati 1.500 in meno nel 2010; 4.500 in meno nell’ultimo triennio. è quanto emerge dal Rapporto annuale pesca e acquacoltura 2010, redatto dal comitato scientifico dell’Osservatorio Mediterraneo della Pesca.
Il rapporto è una radiografia del sistema dell’industria ittica nell’isola. A luglio 2010 risultano attivi 3.017 pescherecci, il cui tonnellaggio medio è di poco superiore alle 20 tonnellate: il 18 per cento circa dei pescherecci siciliani ha meno di 20 anni, più del 31 per cento supera i 40, solo il 10 per cento, invece, è di nuova costruzione o ha subito importanti modifiche di ammodernamento. (continua)

Articolo pubblicato il 30 giugno 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐