Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Incidenti e infrazioni stradali. Documenti gratis tramite Pec
di Eloisa Bucolo

La Posta elettronica certificata per ottenere senza spese copie degli atti

Tags: Pec, Posta Certificata, Polizia Stradale



CATANIA - Se, fino ad oggi, era necessario recarsi fisicamente presso lo sportello degli organi di Polizia Stradale e corrispondere all’amministrazione bolli e costi di riproduzione per ottenere copia degli atti, adesso è possibile semplicemente utilizzare la Posta Elettronica Certificata (Pec). La nuova procedura è volta ad alleggerire il carico burocratico della Polizia Stradale e ad ottenere, da entrambe le parti, una notevole riduzione dei costi e garantisce che “non sarà compromessa la garanzia di certificazione della spedizione, della consegna e del contenuto degli atti”.

L’accesso ai documenti concernenti l'attività di rilevazione e accertamento di incidenti stradali, nonché di accertamento e contestazione degli illeciti amministrativi, è riconosciuta dalla legge (art 11 c. 4 del Cds e art. 22 e ss. della L.241/1990) a “ciascun cittadino abbia un interesse personale e concreto in relazione alla tutela di situazioni giuridicamente rilevanti”. In base alla circolare n. 300/A/7138 del 2 settembre 2011,emanata dal Ministero dell'Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza, cittadini, assicurazioni, periti e avvocati possono trasmettere all’indirizzo Pec degli uffici preposti, la richiesta di copia degli atti dell’incidente, residenza e domicilio delle parti, copertura assicurativa dei veicoli e dati d’individuazione di questi ultimi. Nel caso in cui l’ufficio non disponga di casella Pec, il cittadino può inviare istanza anche ad una casella di posta non certificata. Viceversa gli uffici non ammetteranno richieste da parte soggetti sprovvisti di Pec.

Ricevuta la richiesta, il personale competente, verificherà la legittimazione del richiedente e che l'incidente non abbia assunto rilevanza penale (mortale o con lesioni per le quali è stata sporta querela), caso nel quale la richiesta dovrà essere corredata anche del nulla osta da parte dell'Autorità Giudiziaria. Se la richiesta proviene da soggetti terzi rispetto all'evento infortunistico dovrà essere corredata da delega rilasciata dall'interessato e dalla copia di un suo documento d'identità. Sussistendo le condizioni di legge per il rilascio della copia degli atti, l'ufficio che custodisce il fascicolo del sinistro provvederà ad elaborare un file in formato Pdf contenente gli atti scannerizzati, per l'invio con Pec al soggetto richiedente.

A fronte di tale attività non sono dovuti bolli o costi di riproduzione, anche nel caso in cui la richiesta venga inoltrata in cartaceo, ma indichi l’indirizzo Pec cui inviare la copia digitale degli atti.
Purtroppo il provvedimento si applica solo per le richieste di copie “informali” e non per  le “conformi” che continueranno, si spera ancora per poco, ad essere rilasciate in cartaceo, previo pagamento dei costi di bollo e di riproduzione.

Articolo pubblicato il 27 settembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐