Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Aeroporto Comiso, passo in avanti
di Rosario Battiato

Riunione all’Enac: emersi i lavori ancora da eseguire, per due anni sicurezza grazie ai fondi regionali. La società di gestione s’impegna a indicare la data di apertura entro metà dicembre

Tags: Giuseppe Alfano, Comiso, Aeroporto, Gianfranco Miccichè, Enav, Enac



ROMA – Ancora qualche passo in avanti per l’aeroporto di Comiso. Nei giorni scorsi una riunione operativa presso la sede dell’Enac, a Roma, ha affrontato alcuni dei principali temi riguardanti l’aeroporto di Comiso. Lo ha reso noto il sindaco del Comune ibleo, Giuseppe Alfano, presente al vertice insieme, tra gli altri, al presidente di Soaco Rosario Dibennardo, a Renato Serrano, accountable manager Soaco, a Sandro Cardi (Enac), al generale Sergio Mistretta (comando generale Vigili del Fuoco), Emanuele Carano (Comando provinciale di Ragusa).

Nonostante gli appelli dei politici isolani, anche se di stanza a Roma, come Gianfranco Miccichè, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ancora nessuna azione repentina. Ci si deve accontentare, in compenso, dei piccoli passi.
Nei giorni scorsi, in un vertice romano, si è discusso delle ultime questioni ancora irrisolte. Al centro del vertice l’attivazione presso l’infrastruttura comisana del servizio antincendio e sicurezza. Sul tavolo anche la data dell’apertura dell’aeroporto e il problema degli oneri finanziari in merito all’assistenza al volo.

“Sono molto soddisfatto dell’incontro odierno - ha dichiarato il sindaco Giuseppe Alfano -. Per quanto riguarda i servizi antincendio, il generale Mistretta e l’ingegnere Carano hanno confermato la pronta disponibilità ad essere operativi su Comiso essendo già l’organico quasi al completo a disposizione insieme ai relativi mezzi. In un prossimo futuro sarà solo necessario adeguare l’attuale caserma dei Vigili del fuoco esistente all’interno dell’aeroporto secondo il progetto preliminare già realizzato per il Comune dall’ingegnere Nunzio Micieli (rup dei lavori) e che ha già ottenuto l’avallo del comando provinciale dei Vigili del Fuoco. A breve, quel progetto sarà quindi esecutivo e l’opera trova copertura finanziaria con parte dei fondi già stanziati dalla Regione siciliana per lo start up dell’aeroporto”.

In quest’ottica si inserisce l’impegno assunto da Soaco che, entro il prossimo 15 dicembre, ha confermato di essere in grado di comunicare ufficialmente il giorno di apertura dell’aeroporto di Comiso e presentare il piano operativo di start up. Ovviamente la data sarà fissata anche sulla base della certificazione che l’Enac dovrà rilasciare al soggetto gestore e la cui elaborazione è stata di fatto riavviata proprio nella riunione dei giorni scorsi. “Domani (oggi, ndr) – ha spiegato il primo cittadino - incontrerò i vertici del Ministero della difesa per verificare lo stato dell’arte dell’assegnazione degli spazi aerei di pertinenza dell’aeroporto la cui elaborazione è demandata al tavolo tecnico congiunto che vede la presenza dell’Enav”.

Riguardo i costi dei servizi di assistenza al volo si è avuta la conferma, da parte dell’Enac, che ci saranno 3 milioni dai fondi della legge n.102/2009 che serviranno anche per l’adeguamento delle infrastrutture della torre di controllo. Il resto del finanziamento sarà quello stanziato dalla Regione siciliana, così da garantire per il primo biennio la copertura finanziaria del servizio. Per il resto si attendono le modifiche alla normativa vigente in corso di approvazione dovrebbero sbloccare una volta per tutte l’impasse derivato dalla mancata firma del relativo decreto da parte del ministro Tremonti. A giorni, intanto, ha anticipato il sindaco, la conferenza di servizio.

Articolo pubblicato il 05 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
L'aeroporto di Comiso
L'aeroporto di Comiso