Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Pronti 21 mln di euro per la cultura in Sicilia
di Giulia Cosentino

Pubblicato sulla Gurs il decreto n. 1337/11 con cui viene approvato il programma di finanziamernto per archivi, biblioteche, musei. L’obiettivo è quello di valorizzare i beni e le attività culturali e migliorare la qualità della vita dei residenti

Tags: Cultura, Po Fesr 2007-302



PALERMO – Quante volte si è detto che occorre proteggere i “gioielli” presenti nella nostra Terra? E quante volte si è parlato e si continua a parlare del’abbandono e dell’incuria di quello che dovrebbe essere un patrimonio da tutelare e valorizzare? Tante, troppe volte. E qualcosa pare muoversi in tal senso. E’ stato difatti pubblicato nel sito internet del dipartimento dei beni culturali e dell’identità siciliana il decreto n. 1337 dell’1 agosto 2011, con cui viene approvato il programma di finanziamento delle operazioni volto a finalizzare gli interventi di sostegno al recupero e all’adeguamento strutturale e funzionale della eredità storico-culturale e architettonico del’identità siciliana.

Tenendo in considerazione le diverse leggi regionali promulgate negli anni che mirano proprio alla valorizzazione e all’uso sociale dei beni culturali ed ambientali nel territorio (l.r. 1 agosto 1971) e a all’istituzione e all’ordinamento di musei regionali (l.r. 15 maggio 1991), in linea con il programma operativo regionale PO FESR 2007/2013, per quanto riguarda i Beni culturali e pubblicato nella Gurs n. 9 del 2008, viene in pratica messa in atto la valorizzazione dei beni e delle attività culturali per rafforzare la coesione sociale e migliorare la qualità della vita dei residenti e la promozione, la tutela e la conservazione del patrimonio storico-culturale. Il tutto attraverso una sequenza di linee d’intervento tra cui: interventi di sostegno al recupero e all’adeguamento strutturale e funzionale dell’eredità storico-culturale quali biblioteche, musei, archivi, teatri ed altre tipologie di beni di interesse culturale ed architettonico. Due gli allegati presenti nel programma di finanziamento delle operazioni. Il primo, è l’allegato A) sub museografico che contiene non solo i suddetti programmi di valorizzazione e tutela del patrimonio storico-culturale volti a favorire  la messa a sistema e l’integrazione con i servizi turistici anche al fine di aumentare l’attrattività dei territori, ma anche i progetti ammessi e non finanziabili per attuale insufficienza di risorse. Il secondo, l’allegato B) sub museografico, tiene conto degli interventi risultati non ammissibili.

Per l’attuazione del programma di intervento è stata stanziata una copertura finanziaria di 21.000.000,00 euro contenente pure i progetti per provincia ammessi, ma non finanziabili, per insufficienza di risorse, per un totale di 108.345.235,82 euro.
Nello specifico, gli interventi finanziari vengono sanciti nell’allegato A) sub museografico presente nel decreto n. 1337 dell’1 agosto 2011. Si tratta del recupero e dell’adeguamento strutturale e funzionale dell’eredità storico-culturale ovvero biblioteche, musei, archivi, teatri ed altre tipologie di beni di interesse culturale ed architettonico. Sono stati approvati ben 17 progetti che vedranno rinascere i siti a cui spettano i finanziamenti. Tra questi spiccano il restauro e l’allestimento di alcuni locali museali: il museo delle Pelagie a Lampedusa (Ag), quello di Adrano (Ct), il museo archeologico Salinas (Pa) e di Lentini (Sr). Spiccano anche alcuni progetti di risanamento e adeguamento di alcuni impianti come i locali della parrocchia S.Maria Montalto in Messina e il superamento delle barrire architettoniche del plesso demaniale S.Anna costiuito dalla Casa Museo Verga, Lazzaro e Bonanno a Catania. L’importo complessivo dei progetti è di 21.000.000,00 di euro.

Articolo pubblicato il 16 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐