Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I Comuni siciliani proteggono gli evasori
di Stefania Zaccaria

Tributi. Riscossioni possibili ma politici inoperosi.
Il confronto con l’Emilia. Le percentuali ben diverse nella regione padana, dove l’accordo per scovare chi non paga le tasse è stato sottoscritto da 268 Enti su 348.
Anche gli evasori votano. I sindaci potrebbero introitare il 100% delle somme accertate, ma una stretta contro chi evade potrebbe diventare un boomerang in termini elettorali.

Tags: Evasione, Agenzia Delle Entrate, Mario Monti



PALERMO – Già da molti anni l’Agenzia delle Entrate sta siglando delle convenzioni con i vari Comuni per ostacolare i “furbetti” del fisco e per incentivare i vari Enti locali a contribuire attivamente alla scoperta e alla denuncia dei soggetti evasori.
In Sicilia sono solamente 48 le amministrazioni comunali che, dal 2008 a oggi, hanno deciso di sostenere la lotta all’evasione, approfittando inoltre delle agevolazioni pensate per favorire tali accordi.
Accordi consistenti per le casse comunali: con la legge 148/2011, infatti, si arriva a riconoscere, agli enti locali attivamente impegnati, il 100 per cento delle somme evase ed accertate. Certo, 48 Comuni su 390 sono veramente pochi. Soprattutto se si pensa che in Emilia Romagna, tanto per fare un esempio, i Comuni che hanno siglato le convenzioni sono ben 268 su 348. (continua)

Articolo pubblicato il 16 febbraio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus