Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

2011, un anno nero per le Pmi dell’Isola
di Redazione

Confesercenti: hanno chiuso 15 mila aziende. Micidiali l’aumento dell’Iva e del costo del lavoro, più la pressione fiscale. Quest’anno, su un commerciante con fatturato di 50 mila € graveranno maggiori tasse fino a 5.500 €

Tags: Impresa, Confesercenti, Economia



PALERMO - “Quindicimila attività chiuse e migliaia di nuovi disoccupati. Il 2011 è stato un anno nero per le piccole e medie imprese siciliane”. Lo dice Confesercenti Sicilia, che lancia un grido d’allarme nel giorno in cui l’organizzazione si mobilita, a livello nazionale e locale, “perché se chiude la piccola e media impresa chiude l’Italia”.

“Le iniziative del Governo nazionale - secondo Confesercenti - stanno mettendo a rischio il futuro del settore. Un esempio: nel 2012 su un commerciante con un fatturato di 50.000 euro, che opera in un locale di 100 metri quadrati, fra aumenti di contributi sociali, costi amministrativi, Imu, tassa sui rifiuti, mancato trasferimento sui prezzi di metà dell’aumento Iva, graverà un maggior prelievo fiscale compreso fra i 3.500 e i 5.200 euro”.

“Nei prossimi tre anni l’aumento delle aliquote contributive previdenziali per artigiani e commercianti costerà alle piccole e medie imprese 2,7 miliardi di euro. Una situazione che rischia di mettere in ginocchio le imprese e l’intero sistema Italia visto che esse producono il 46 per cento del Pil e il 54% dell’occupazione nel settore privato. Nell’ultimo decennio le piccole e medie imprese sono state il motore dell’economia del Paese, dando lavoro a migliaia di persone. Il presente e il futuro, però, sono tutt’altro che incoraggianti”.

“L’incremento dei centri commerciali e il conseguente crollo delle vendite abbinate alle pesanti misure fiscali - spiega Vittorio Messina, presidente vicario di Confeserecenti - costituiscono un mix micidiale. Costringeranno decine di migliaia di piccole e medie imprese alla chiusura. Ecco perché invochiamo nell’Isola come nel resto d’Italia un cambiamento di rotta”.
“è arrivato il momento di cambiare pagina - aggiunge il direttore Salvatore Curatolo - dalla Sicilia rivolgiamo al Governo un invito a fare un passo indietro e a ripartire anche sulla base delle proposte avanzate dalla Confesercenti”.

Articolo pubblicato il 23 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus