Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Andalusia, la movida lascia spazio ad architetture mozzafiato
di Nicoletta Fontana

Tanti i paesini e le cittadine da visitare in un’area che copre circa 300 chilometri e poi Malaga, la  città  natale di Picasso

Tags: Andalusia, Spagna



Non c’è occasione migliore della primavera per trascorrere un weekend in Andalusia. Una terra che da aprile a giugno risplende di luce e colori intensi  regalando al visitatore la possibilità di trascorrere una vacanza tra arte, storia, buon cibo e un mare tutto da vivere.

L’Andalusia è incuneata tra i due mari della Costa del Sol e la Costa de la Luz, in un susseguirsi di spiagge e calette, dai porticcioli molto vivaci  alla moda per una movida che si inoltra fino a  tarda notte.  Tanti i paesini e le cittadine da visitare in un’area che copre circa 300 chilometri. Prima tappa Malaga, la  città  natale di Picasso, conserva i resti delle civiltà passate che l’hanno colonizzata e quindi sarà entusiasmante ammirare le sue bellezze architettoniche che ci rimandano ai Bizantini, agli Arabi, ai Visigoti dei quali troveremo testimonianza  nelle architetture del Teatro Romano, dell’Alcazaba, al Castello di Gibralfaro e nella sua bellissima Cattedrale del 500. Il Museo Picasso e il Centro di Arte Contemporanea, saranno altre mete da non perdere.

Per un tuffo nella movida dallo spirito tipicamente andaluso, Marbella ci attende per farci godere delle sue lunghissime spiagge piene di chiringuitos, dove tra una tapas e l’altra potremo tuffarci nell’oceano per diventare dei surfisti provetti. Tra le sue viuzze e piazzette ci perderemo negli acquisti all’insegna dell’artigianato locale. Ancora qualche chilometro e saremo a Gibilterra, in questa zona tax –free potremo dare sfogo a uno shopping più ricercato, ma senza dimenticare le attrattive turiste che le appartengono. L’ex colonia Britannica oltre a essere un paradiso per acquisti, è anche un oasi naturalistica, infatti nella parte alta sorge  la riserva naturale Upper Rick Natural Riserve, dalla quale si aprono splendide vedute e interessanti siti da visitare, mentre  nella Bahìa de Algeciras, affittando uno dei tanti barconi, sarà eccitante poter avvistare le colonie di delfini che nuotano in libertà.

I surfisti di tutto il mondo andranno nella capitale del vento: Tarifa, questa località si trova nella zona più a sud della Spagna e solo 14 Km la dividono dal Marocco e attraendo per il suo forte vento che si infrange nelle onde dell’oceano, surfisti, windsurfisti e Kitsurfer di tutto il mondo. L’ambiente è giovane e la vita notturna pullula di discoteche e locali, ma anche  loro non potranno non rimanere affascinati dalle sue mura medievali e dalla splendida Cattedrale Barocca che  fa da capolino alla cittadina. A conclusione della nostra vacanza non mancheremo l’appuntamento per un brindisi a base di Sherry, tra le bodegas, le storiche cantine di Jerez, al ritmo della  danza  tipica che in questo paesino che  ospita il Museo de l’Arte Flamenco.
 

 
INDIRIZZI UTILI
 
Hotel NH
Almenara
www.nh.hotels.com
almenara@sotogrande.com

Malaga
Hotel Molina
Lario
www.molinalrio.com

Marbella
Marbella Club
www.marbella.com

Tarifa
La sacristia
www.lasacristia.net

Costa de Luz
Escodrijo
www.escondrijo.com

Articolo pubblicato il 30 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Malaga
Malaga
Puerto Banus a Marbella
Puerto Banus a Marbella


´╗┐