Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Aeroporti, la Sicilia vola basso
di Michele Giuliano

Trasporti. Gli scali dell’Isola devono crescere ancora.
Viaggiatori in calo. Segno negativo per arrivi e partenze in tutte le strutture: il capoluogo perde il 10%, Trapani fa registrare il dato più preoccupante con un meno 14,4%.
L’efficienza. In termini di utili di esercizio l’aeroporto di Venezia ha prodotto il quadruplo di Catania (12 mln di € contro 4); Bari sette volte in più di Palermo (1 mln di € contro 137 mila).

Tags: Aeroporto, Sicilia



PALERMO - Numeri tutti in rosso per gli scali siciliani, frutto di una serie di problematiche: dai limiti infrastrutturali ad altri fattori più o meno incisivi.
Secondo i dati aggiornati ai primi tre mesi del 2012, i tre maggiori aeroporti siciliani (Trapani, Catania e Palermo) hanno in tutti i casi incassato sonore sconfitte in termini di traffico con una media di variazione in negativo, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, dell’8,63 per cento contro una media nazionale che è pari a -1,3.
Motivo per cui non si venga a dire che tutto ciò è frutto della crisi perché quasi ovunque in Italia si riescono a contenere i dati sullo stesso livello dello scorso anno, o quasi, se non addirittura con veri e propri boom di presenze e arrivi in alcuni casi. La situazione più difficile la si registra a Trapani e Palermo. (continua)

Articolo pubblicato il 22 maggio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus