Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

“Segnali di un grande terremoto”
di Rosario Battiato

Ambiente. Il sisma in Emilia e i rischi in Sicilia.
I terremoti non si possono prevedere, ma “esperimenti di previsione” portati avanti da noti sismologi (non da tutti accettati) da mesi davano due importanti eventi proprio in Emilia e in un’area indefinita del Sud.
Studio. Esposto il 4 maggio in Commissione Grandi Rischi, lo studio lancia l’allarme su un’ampia zona. Uno degli algoritmi fa espressamente riferimento a Calabria e Sicilia.

Tags: Terremoto, Rischio Sismico



CATANIA – L'Italia, com'è noto, è un Paese dove le criticità del territorio vengono affrontate strada facendo, sulla base dell'accadere dei disastri e indipendentemente dalle tragedie che si producono. La cosiddetta azione di prevenzione ex-post, un ossimoro che riassume la confusione sul fenomeno, è tornata in voga dopo i fatti in Emilia, dove domenica scorsa un sisma di magnitudo 6 si è abbattuto soprattutto su due province.
Adesso il pensiero si concentra sull'allarme rischio sismico anche al Sud, che era stato lanciato sin dal gennaio scorso dagli stessi sismologi di Trieste. Per la Sicilia, in particolare, ricorre anche il rischio aree sismiche in congiunzione con la presenza di stabilimenti petrolchimici senza una normativa nazionale che ne regolamenti la sicurezza in caso di terremoto.
Le scosse non si possono prevedere come fossero temporali. Questo è certo. Tuttavia ci sono determinati studi, basati sul calcolo di algoritmi, che possono prevederne l'eventualità. (continua)

Articolo pubblicato il 25 maggio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus