Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Sicilia prigioniera del petrolio
di Rosario Battiato

Energia. La perdurante dipendenza dell’Isola.
I dati. Lo sforzo del governo Lombardo in favore dell’utilizzo delle fonti rinnovabili, soprattutto fotovoltaica, non basta a sovvertire un dato di fatto: la produzione termoelettrica da fonti fossili rappresenta il 76% del totale.
Consumi. Negli ultimi due anni sono state erogate diverse autorizzazioni al solare, ma analizzando i consumi finali di energia ci si accorge che essi sono legati essenzialmente al sistema petrolifero.

Tags: Energia, Petrolio



PALERMO – La Sicilia prosegue, zoppicando, la sua corsa alla sostenibilità energetica, restando ampiamente condizionata dal sistema petrolifero che, seppure in crisi a livello internazionale, continua a restare l’unica alternativa valida in un territorio dove la grande industria sembra allontanarsi.
Quello che emerge analizzando il quadro complessivo delle potenziali risorse energetiche isolane è un grande spreco: fotovoltaico non adeguatamente sfruttato, eolico (che dal punto di vista paesaggistico ha deturpato intere colline) vittima della speculazione, e circa 4 mila chilometri quadrati incolti che sarebbero necessari per puntare sui biocarburanti e per rilanciare l’agricoltura in forte crisi.
Intanto anche il Pears, strumento essenziale, continua a non essere completamente applicato, vittima di iter procedurali spesso farragginosi. (continua)

Articolo pubblicato il 09 giugno 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus